Viale Jonio, 188 | Montesacro | Roma | Tel. 06 871 951 59 | N.Verde 800 018 762 | Cell. 320 69 75 613

Cerimonia laica funerale: come avviene?

agenzia funebre buccinnà

IN CASO DI BISOGNO

CHIAMA A QUALSIASI ORA

Siamo disponibili 24h su 24

La nostra missione è aiutarti ad affrontare la perdita di un tuo caro, offrendoti una risposta professionale, ma allo stesso tempo umana e discreta per darti la possibilità di onorare la sua memoria nel modo più appropriato possibile.

Massimiliano Buccinnà

Quando si parla di una cerimonia laica funerale, si fa riferimento a un rito funebre particolare, slegato da ogni qual si voglia credo religioso.

A prescindere dalle implicazioni legate al lato spirituale infatti, un momento doloroso come quello di un funerale è comunque occasione di omaggiare il defunto. Allo stesso tempo, si tratta di un modo per i suoi amici e familiari per sentirsi, per l’ultima volta, vicino anche fisicamente allo stesso.

Per chi intende svolgere questo tipo di cerimonia dunque, vi sono solitamente delle procedure leggermente diverse rispetto a quella religiosa.

Cerimonia laica funerale: un addio al caro scomparso che va al di là del credo religioso

La cerimonia laica può essere svolta regolarmente nell’abitazione del defunto, in una location appositamente affittata e persino in aree all’aperto. Vista la caratteristica di non dover sottostare a direttive religiose, il rito laico è sicuramente più flessibile rispetto agli altri.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di un’occasione per omaggiare la vita del defunto, attraverso letture, musica o altre forme di tributo. Queste, come è facilmente intuibile, vanno a sostituire formule come preghiere o simili presenti nelle cerimonie religiose.

Chi sostituisce il prete nel rito laico?

Trattandosi per sempre di una celebrazione, vi è comunque necessità di una o più figure che gestiscano l’evento. Nella maggior parte dei casi si tratta di uno o più familiari, anche se non mancano alcune soluzioni che prevedono amici o altre persone più o meno importanti per il defunto.

Come è facile intuire, sotto questo punto di vista vengono spesso rispettate le ultime volontà della persona scomparsa. A livello organizzativo, esistono differenze sostanziali per quanto concerne l’organizzazione.

Così come per qualunque altro tipo di celebrazione legata a qualsiasi tipo di religione, anche nel caso di un funerale laico, noi di Buccinnà Onoranze Funebri possiamo vantare una notevole esperienza nonché una cura maniacale per i dettagli.

La nostra perizia nell’organizzare questo tipo di cerimonia ci ha portato ad essere una delle più rinomate agenzie pompe funebri Roma. Il tutto, ovviamente sempre seguendo e rispettando i dettami della famiglia e le sue esigenze, nonché i voleri della persona scomparsa.

L’organizzazione di un rito laico

Risulta piuttosto diffusa l’opinione che, il rituale del funerale, sia strettamente legato all’ambito religioso.

Anche se in molti casi i due aspetti coincidono, in realtà i due aspetti possono risultare alquanto slegati. La condivisione del dolore con altre persone e il ricordo di chi non c’è più, sono ovviamente fattori sentiti sia da chi è credente che da chi non lo è. Se la famiglia e/o il defunto non sono credenti, non esiste comunque motivo per non stringersi insieme a chi ha conosciuto la persona per dare un ultimo saluto degno di tale nome.

Come organizzare una cerimonia laica a livello pratico

Il primo passo è individuare una location adatta.

Come già detto, teoricamente esistono diverse possibilità in tal senso. Va comunque sottolineato come, a livello comunale, esistano delle apposite sale del commiato. Secondo la legge italiana (D.P.R. n. 285/90) la loro presenza è obbligatoria.

Ma di cosa si tratta? questo tipo di aree sono solitamente abbastanza capienti da accogliere più di un centinaio di persone, anche se molto dipende anche dalla dimensione del comune e dalla disponibilità dello stesso.

I requisiti sono ovviamente legati allo spazio disponibile per il feretro, eventuali corone di fiori e cuscini, oltre allo spazio per i partecipanti.

Al di là di queste soluzioni poi, va detto che non sono presenti simboli religiosi di alcun tipo. In tal senso, come già lasciato intuire, sono eventualmente presenti i fiori che, al di là del loro significato, non hanno legami diretti con l’aspetto religioso di un funerale.

Funerale laico

Un esempio di funerale laico

Per praticità, mostriamo una potenziale scaletta di quello che può essere un funerale laico.

l’inizio è solitamente costituito da un discorso introduttivo. In questa fase vengono accolti i presenti e viene data una rapida spiegazione del perché è stato scelto questo tipo di rito. L’officiante, a prescindere da chi si tratti, legge testi poetici e non, facendo alcune considerazioni generali su vita e morte solitamente generiche e/o di carattere filosofico.

La fase centrale di una cerimonia laica funebre consiste nell’elogio, in cui si ricorda la persona scomparsa con storie e aneddoti della sua vita. Spesso si fa riferimento anche a storie divertenti, per ricordare in maniera più dolce il caro scomparso.

Infine arriva il momento più toccante, ovvero il commiato. Si tratta dell’ultimo saluto alla salma prima della sepoltura.

 

Cerimonia laica funerale

0.00
4.8

Professionalità

4.9/5

Competenza

4.8/5

Puntualità

4.7/5

Offerta Funerale Completo

Tutto compreso a un prezzo eccezionale

Pagine